Scavalcare il guardrail non è imprudente: gestore autostradale responsabile

Cassazione civile , sez. III, sentenza 19.06.2013 n° 15302


Perché il proprietario o il gestore di un’autostrada sia esente da ogni responsabilità non basta che abbia realizzato l’opera conformemente alle leggi, poiché eventuali situazioni di pericolo per l’utilizzatore potrebbero far insorgere una responsabilità accertabile sulla base di parametri indicati dalla giurisprudenza di legittimità.

E’ quanto ha stabilito la Corte di Cassazione nella sentenza 19 giugno 2013, n. 15302 avente ad oggetto il caso di una donna che, nello scavalcare il guard-rail, è caduta nel vuoto riportando lesioni gravissime che l’hanno resa invalida al 100%. La domanda di risarcimento danni proposta contro Autostrade s.p.a. è stata rigettata sia in primo che in secondo grado; lo stato dei luoghi è stato ritenuto conforme alla legge e i giudici di merito hanno addebitato la colpa esclusiva alla danneggiata, la cui “gravissima imprudenza” avrebbe interrotto il nesso causale.

La Suprema Corte ha dichiarato che l’imprudenza non è consistita nell’attraversare a piedi la corsia dell’autostrada, ma nell’aver scavalcato la barriera laterale, “comportamento quest’ultimo, che, di per sé solo e per quanto è normalmente prevedibile ex ante, può considerarsi non particolarmente pericoloso da chi ritenga di poter usufruire dello spazio intermedio fra il guard-rail superato e quello protettivo dell’opposta corsia”.

Gli Ermellini lamentano che la Corte d’appello non si sia accertata della presenza di segnalazioni nel viadotto, o comunque se fosse percepile la presenza del vuoto ad un automobilista attento, considerando anche l’ora notturna e la mancanza di illuminazione.

La motivazione relativa alla valenza assorbente ed esclusiva assegnata al comportamento dell’infortunata è stata ritenuta insufficiente, se non del tutto mancante, e Autostrade s.p.a. è stata dichiarata colpevole per non avere adottato le misure idonee ad impedire modalità di utilizzazione del bene particolarmente rischiose, essendo necessario adottare anche delle misure volte ad impedire comportamenti inconsulti. In un caso analogo in cui un automobilista oltrepassando il guardrail era caduto nel vuoto, la società Autostrade era stata ritenuta responsabile per non aver predisposto una barriera protettiva od altra efficace segnalazione. (Cass. Civ. Sez. 3, 7 dicembre 2005, n. 26997).

A tal proposito la Suprema Corte ha fornito dei parametri per individuare le misure esigibili necessarie per prevenire situazioni di pericolo derivanti da comportamenti avventati: il grado di prevedibilità dei comportamenti temerari o pericolosi, la loro frequenza e la maggiore o minore facilità di compierli, la natura e la praticabilità delle misure di prevenzione e l’entità degli oneri.

La condotta di un utente che in autostrada si trovi a dover oltrepassare il guardrail può verificarsi frequentemente per una serie svariata di motivi, come potrebbe avvenire nel caso della sosta obbligata per un incidente, ed è quindi da escludersi che possa essere qualificata come un’imprudenza grave a tal punto da interrompere il nesso causale.

Il ricorso infondato è stato dichiarato fondato per omessa e insufficiente motivazione circa l’interruzione del nesso causale e l’esclusione di ogni concorso di colpa.

La Corte di Cassazione ha condiviso il rilievo della ricorrente affermando che: “la conformità dell’opera alle leggi ed alla tecnica costruttiva non vale ad escludere ogni responsabilità del proprietario o del gestore qualora, nonostante una tale conformità, l’opera presenti insidie o pericoli per l’utilizzatore”.

Fonte: ALTALEX

Clicca QUI per leggere la sentenza.

On novembre 20, 2013, posted in: Senza categoria by
No Responses to “Scavalcare il guardrail non è imprudente: gestore autostradale responsabile”
Leave a Reply